Calcolo pensione (professioni)Calcolo pensione Cpdel

Calcolo pensione Cpdel

Come si calcola la pensione per chi è iscritto alla Cassa Pensioni Dipendenti Enti Locali (CPDEL)?

Scopriamo come si deve procedere al computo della pensione di vecchiaia e quali sono i requisiti necessari.  

Ecco tutto quello che c’è da sapere sulle pensioni INPS ex-INPDAP ed ex-CPDEL, a partire dalle novità introdotte dalla manovra Monti, che ha portato alla soppressione dell’INPDAP e al passaggio all’INPS Gestione Dipendenti Pubblici di tutte le sue competenze.

CPDEL: cos’è?

CPDEL è la Cassa Pensioni Dipendenti Enti Locali, una particolare cassa previdenziale che è confluita nell’Inpdap, oggi nell’INPS.

Sono iscritti alla CPDEL i dipendenti degli enti di diritto pubblico e degli enti locali, tra cui:

  • Regioni
  • Città metropolitane
  • Comuni
  • Province
  • Comunità montane
  • Unioni dei comuni
  • Unioni montane
  • Istituti pubblici di assistenza e beneficenza
  • Consorzi di enti locali
  • Aziende sanitarie
  • Aziende pubbliche servizi alla persona
  • Comunità montane
  • Agenzie regionali o locali
  • Aziende ospedaliere del Servizio sanitario nazionale
  • Camere di commercio.

Pensione CPDEL: quali sono i requisiti necessari per accedere?

La pensione per gli iscritti a CPDEL segue le regole normative previste per la pensione dei dipendenti pubblici e statali.

Il metodo utilizzato è quello retributivo (misto se i soggetti sono in possesso di contributi precedenti al primo gennaio 1996). Per quanto concerne la variabile anagrafica, l’età minima richiesta è pari a 66 anni e 7 mesi ed è necessario avere un’anzianità contributiva pari a 20 anni.

Coloro che hanno versato contributi successivamente al primo gennaio 1996 possono accedere all’assegno previdenziale di vecchiaia al compimento dei 70 anni d’età, a condizione che la contribuzione effettiva sia pari ad almeno 5 anni.

Calcolo Pensione CPDEL: quali periodi di servizio possono essere riscattati?

Gli iscritti CPDEL possono riscattare i periodi di servizio prestati presso aziende private che esercitano un pubblico servizio, enti di diritto pubblico o istituti di credito di diritto pubblico.

Inoltre, è possibile riscattare i periodi di servizio militare da trattenuto. Possono essere riscattati anche i periodi di studio impiegati per il conseguimento di lauree e dottorati di ricerca.

⌨️ Calcola gratis la tua pensione

Pensione CPDEL: casistiche e metodi di computo

Per chi ha iniziato a lavorare dopo la data del primo gennaio 1996, si applica il sistema contributivo puro, cioè l’importo della pensione viene calcolato solo con il metodo contributivo.

Il sistema misto viene applicato per i lavoratori che alla fine dell’anno 1995 avevano un’anzianità contributiva inferiore ai 18 anni.

Per i lavoratori che alla data del 31 dicembre 1995 hanno un’anzianità contributiva superiore ai 18 anni viene applicato il sistema misto pro-rata. Per questi lavoratori la pensione viene calcolata con il sistema retributivo per la quota di pensione maturata fino al 31 dicembre 2011 e con il metodo contributivo per la quota maturata a partire dall’anno 2012.

Pensione anticipata per gli iscritti CPDEL: requisiti necessari

I requisiti per la pensione anticipata Fornero sono: 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini; 41 anni e 10 mesi di contributi per le donne; più tre mesi di finestra dalla maturazione del requisito contributivo alla liquidazione del trattamento.

L’attuale normativa previdenziale prevede la possibilità per i dipendenti iscritti all’ex Cassa Pensioni Dipendenti Enti Locali (CPDEL) di accedere a Quota 103, pensione anticipata flessibile e misura sperimentale. Sulle pensioni a quota 103 dei lavoratori ex iscritti a Cpdel, INPS conferma la finestra di sei mesi rispetto alla maturazione dei requisiti richiesti. Pertanto, i sei mesi fanno slittare il trattamento previdenziale non prima del primo agosto 2023.

Pensione iscritti Cpdel: come presentare la domanda?

L’iscritto ex Cpdel che vuole pensionarsi, secondo le nuove istruzioni dell’Inps, deve:

  • presentare domanda di pensione all’Inps (tramite sito web, contact center o patronato) con almeno 6 mesi di anticipo rispetto alla data di uscita dal lavoro;
  • inviare domanda di cessazione dal servizio all’ente locale presso il quale lavora secondo le scadenze e le modalità previste dall’Ente.

Si tratta di due istanze separate, l’una rivolta all’INPS, l’altra all’ente datore di lavoro. Quest’ultimo è tenuto a fornire al lavoratore ogni supporto e chiarimento per semplificare la procedura di pensionamento.

Ti potrebbe interessare anche